Main Menu
Home
Cos' il fotovoltaico
Come funziona
Servizi
Prodotti
Incentivi Statali
Capire il Conto Energia in 10 passaggi.
Domande Frequenti

Info Menu
Dove siamo

 

logo_gse.jpg




pdf.png
PDF - Terza Edizione Conto Energia


logo_enelsi.gif







Incentivi Statali
Anteprima
Gli impianti fotovoltaici beneficiano di incentivi statali attraverso il Decreto Ministeriale denominato "Conto Energia" ,
 il sistema di incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti  fotovoltaici.
Gli incentivi vengono erogati  sulla base di TUTTA l'energia elettrica prodotta dall'impianto fotovoltaico.
Attraverso il "Conto Energia" la produzione di elettricità di un impianto fotovoltaico  è remunerata per  20 anni dallo stato.

 
Incentivi fotovoltaici 2012

 Linee guida GSE 

 

L’energia elettrica prodotta dagli impianti è incentivata a partire dalla data di entrata in esercizio per un periodo di 20 anni e la tariffa è costante in moneta corrente per tutto il periodo di incentivazione.

Sono previsti premi aggiuntivi fino al 30% della tariffa incentivante per uso efficiente dell’energia, il 10% della tariffa  incentivante per l'utilizzo di materiali prodotti in Unione Europea , è stato fissato a 5 centesimi di euro/kWh il premio aggiuntivo per gli impianti installati in sostituzione di coperture contenenti amianto, Eternit.

Impianti  fotovoltaici

Per gli impianti fotovoltaici, le tariffe sono differenziate per due gruppi di impianti:

1 – Impianti sugli edifici

2 – Altri impianti fotovoltaici (per esempio gli impianti a terra).

E sono suddivise per 6 classi di potenza:

1-    da 1 a 3 kW

2-    da 3 a 20 kW

3-    da 20 a 200

4-    da 200 a 1000

5-    da 1000 a 5000

6-    oltre 5000 kW.

Sono maggiormente incentivati gli impianti su edifici, in particolare i più piccoli.

Dal secondo semestre 2013 si applicheranno riduzioni programmate rispetto alle tariffe vigenti nel semestre precedente: nel secondo semestre 2013 la riduzione sarà del 9%, nel primo semestre 2014 del 13% e altrettanto nel secondo, nel 2015 la tariffa si ridurrà del 15% nel primo semestre e di un ulteriore 15% nel secondo semestre; nel 2016 del 30% nel primo e di un altro 30% nel secondo.

Tabelle degli incentivi fotovoltaici

Essendo molte le variabili prese in considerazione dal Quarto conto energia, è più chiaro presentare gli incentivi attraverso le tabelle riassuntive rese note dal Ministero dello Sviluppo Economico e che ripubblichiamo qui sotto. A sinistra delle prime quattro tabelle troviamo le sei classi di grandezza in cui sono stati suddivisi gli impianti (quelli a livello familiare rientreranno nella prima e nella seconda categoria, da 1 a 3 Kw e da 3 a 20 kW), nella parte superiore delle tabelle vi sono gli intervalli di tempo suddivisi per le due tipologie di impianti (impianti sugli edifici e altri impianti fotovoltaici):

Tariffe impianti fotovoltaici per l’anno 2012 ( primo che secondo semestre)

Tariffe incentivi fotovoltaici per anno 2013 – primo semestre –

A decorrere dal primo semestre 2013, le tariffe assumono valore onnicomprensivo sull’energia immessa nel sistema elettrico.  Sulla quota di energia autoconsumata è attribuita una tariffa specifica.

Tariffe incentivi a partire dal secondo semestre 2013 fino al 2016

Le riduzioni di incentivi programmate per i semestri successivi sono individuate nella seguente tabella  e sono applicate alle tariffe vigenti nel semestre precedente.

Le tariffe di ciascun semestre possono essere ulteriormente ridotte rispetto a quanto previsto dalla tabella 5 sulla base del costo annuo imputabile agli impianti che entrano in esercizio nel periodo di osservazione. La riduzione aggiuntiva eventualmente applicata è stabilita, con una formula proporzionale, nel solo caso in cui il costo annuo della potenza installata nel periodo di osservazione risulti maggiore al costo indicativo annuo della potenza obiettivo del semestre precedente.

Incentivi per impianti fotovoltaici con caratteristiche innovative

Tariffe diverse sono previste per gli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative, tra 1 kW e 5 MW, che utilizzano moduli “non convenzionali e componenti speciali, sviluppati specificatamente per integrarsi e sostituire elementi architettonici”. Per capire nel dettaglio quali impianti fotovoltaici integrati potranno considerarsi con caratteristiche integrative, entro il 30 giugno 2012 il GSE aggiornerà la guida specifica.

Per questa particolare tipologia di impianti, tra 1 e 20 kW, la tariffa diminuirà dai 0,427 €/kWh del 2011 ai 0,410 del secondo semestre 2012; dal 2013 vi sarà il sistema con tariffe onnicomprensive.

Tabelle degli incentivi per i fotovoltaici con caratteristiche innovative

Tariffe per l’anno 2011 per gli impianti con caratt. innovative che entrano in esercizio a decorrere dal 1° giugno 2011 –

Tariffe per l’anno 2012 per gli impianti con caratt. innovative –

TARIFFE PER L’ANNO 2013 e per i periodi successivi per gli impianti con caratt. innovative

Anche per questo tipo di impianti fotovoltaici, dal primo semestre 2013 le tariffe assumono valore onnicomprensivo sull’energia immessa nel sistema elettrico. Sulla quota di energia autoconsumata è attribuita una tariffa specifica.
Le nuove tariffe sono individuate dalla tabella 8.

Le riduzione programmate per i semestri successivi sono applicate alle tariffe vigenti nel semestre precedente – tabella 9


Incentivi per impianti a concentrazione

Ultima categoria incentivata è quella degli impianti a concentrazione. Per un impianto tra 1 e 200 kW, la tariffa diminuirà da 0,359 €/kWh del 2011 a 0,345 €/kWh del secondo semestre 2012; dal 2013 scatterà il sistema con tariffe onnicomprensive.


Al Gestore della rete vanno inviate le richieste relative alla connessione alla rete dell'impianto ed all' installazione dei contatori di misura dell'energia elettrica.

Distributore locale è il soggetto che si occupa della fornitura di energia elettrica, può coincidere con il gestore di rete se ha anche la proprietà della rete di distribuzione a cui è allacciata l'utenza. Il distributore locale è anche   Gestore contraente  in quanto sottoscrittore del contratto per il servizio di "scambio sul posto "

Come-funziona
L'energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici ha diritto ad una  tariffa incentivante , diversa in relazione alla tipologia e potenza nominale  dell'impianto.

La tariffa incentivante è riconosciuta per un periodo di 20 anni e rimane costante in moneta corrente per tutto il periodo.

Per impianti fino a 200 kW di potenza sono possibili due opzioni :

La cessione in rete (ideale per grandi impianti)
 Questa opzione  prevede la  vendita dell'energia prodotta e non immediatamente utilizzata.  

In questo caso si ha:
- un ricavo derivante dalla remunerazione dell'energia TOTALE prodotta tramite incentivo in "Conto Energia"
- un ricavo derivante dalla vendita dell'energia elettrica  TOTALE prodotta  e ceduta alla rete

Lo scambio sul posto o net metering  (ideale per piccoli impianti)
Questa opzione  prevede che l'impianto operi in regime di interscambio con la rete elettrica. 
Sostanzialmente durante le ore diurne l'utenza consuma l'energia elettrica prodotta dall'impianto fotovoltaico ed inietta in rete il surplus di produzione, mentre di notte o con luce insufficiente è la rete elettrica a fornire energia all'utenza.

 In questo caso si ha:
- un ricavo derivante dalla remunerazione dell'energia TOTALE prodotta tramite incentivo in "Conto Energia"
- un risparmio pari al valore dell'energia elettrica autoconsumata ,circa 18 centesimi di EURO per Kw
-un ricavo derivante dalla vendita dell'energia elettrica prodotta e ceduta alla rete
-un credito senza scadenza derivante dalla quantità di energia elettrica immessa in rete   ( differenza tra  prodotta e autoconsumata ) 

 
Altro fattore importante è che in questo caso alla scadenza dei 20 anni cessa la tariffa incentivante ma rimangono per tutta la vita dell'impianto i vantaggi dello "scambio sul posto". 
 
Lo scambio sul posto più in dettaglio
l servizio di scambio sul posto è il servizio erogato dal Gestore contraente, gestore della rete elettrica locale, e consiste nell'operare un saldo annuo tra l'energia elettrica immessa in rete dall'impianto e l'energia elettrica prelevata dalla rete

Il servizio di scambio sul posto opera per impianti da 1 a 200 kW e  solo nel caso in cui il punto di immissione e di prelievo dell'energia elettrica scambiata con la rete coincidono.(stesso contatore)

Qualora il saldo annuo risulti maggiore di zero, questo è riportato a credito per la compensazione,  in moneta corrente, di un eventuale saldo negativo relativo ad un periodo di fatturazione successivo.

Il saldo positivo relativo ad un anno può essere utilizzato a compensazione di eventuali saldi negativi di altri anni.
Non vi è scadenza e/o limiti di tempo per utilizzare il saldo a favore.

Il richiedente versa al Gestore contraente un corrispettivo annuo a copertura dei costi relativi all'erogazione del servizio di scambio sul posto pari a 30 euro.
 
Come si attiva
1-  Il soggetto responsabile inoltra al gestore della rete elettrica  locale  ( ENEL, ACEA, AEM o altri  a seconda dell'ubicazione dell' impianto ) il progetto preliminare dell'impianto fotovoltaico che  intende realizzare richiedendo la connessione alla rete.
2 -  Una volta realizzato l'impianto il soggetto responsabile trasmette al gestore di rete la comunicazione di fine lavori.
3 -  Entro 60 giorni dalla data di entrata in esercizio dell'impianto il soggetto responsabile  deve inoltrare al Gestore del Sistema Elettrico ( GSE):
- la richiesta di concessione della tariffa incentivante
- la documentazione finale di entrata in esercizio
4 -  Entro 60 giorni dalla data di ricevimento della richiesta di accesso alla tariffa incentivante il GSE comunica la tariffa riconosciuta.
GREENENERGY IMPIANTI srl  Vi evita queste complesse procedure con il servizio CHIAVI IN MANO.


INCENTIVI      STATALI     in      CONTO     ENERGIA   2012 :
 Esempio pratico per impianti di piccola taglia,i piu’ diffusi: 
Prendiamo ad esempio un impianto da 3kW ,installato al di sopra della superficie di un tetto inclinato (posato sopra alle tegole) e considerato quindi IMPIANTO REALIZZATO  SUGLI EDIFICI
Entrata in esercizio dell'impianto entro 30 giugno 2012
IL  GSE paga 0,274€/KW ogni KW prodotto dall’impianto fotovoltaico,il consumo annuo di questa abitazione e’ di 3300KW /anno,un impianto fotovoltaico produce nel nord Italia 1100KW/anno per 1KW installato,installiamo quindi un impianto da 3kw che produce in un anno 3Kw x 1100Kw/anno=3300Kw,il GSE eroga  0,274€ x 3300Kw = € 904,oo PURO GUADAGNO
IL consumo annuo dell’abitazione in Kw viene abbattuto diminuendo il costo delle bollette e risparmiando € 0,18(costo attuale dell’energia elettrica consumata) per ogni KW:€0,18 x 3300kw (consumo annuo)=  € 594,oo RISPARMIO
Sommiamo il guadagno e il risparmio €1326,oo+ €594 = € 1498,oo  RESA ECONOMICA ANNUA  IMPIANTO    . 
IL GSE paga per 20 ANNI la produzione dell’energia elettrica € 1920,oo x 20 anni = € 29.960RESA ECONOMICA IMPIANTO A 20 ANNI
 UN OTTIMO INVESTIMENTO!!!
 Trascorso il ventennio di incentivo statale,l’impianto (ormai da tempo ripagatosi) continuera’ a produrre energia elettrica per soddisfare le esigenze di consumo dell’utente proprietario. L’impianto ha una vita utile media stimata in 30-35 anni. 
E quando dovro’ dismettere l’impianto?
Alla fine del ciclo vitale dell’impianto, consorzi per il recupero dei pannelli fotovoltaici  pagheranno il proprietario dell'impianto per avere in gestione lo smaltimento dei suoi pannelli poichè i materiali utilizzati sono riciclabili al 91%.Questo tipo di accordi è già diffuso nei paesi a più alta densità di impianti come la Germania e la Spagna.
GreenEnergy Impianti srl     
                                   Anteprima
 

Solefotovoltaico by GreenEnergy Impianti srl

Via Montrigone, 123 - 13011 - Borgosesia (VC) - Tel. 0163 1901807 - Cell. 340 0981067 - P.IVA 02447530029

Lossweb Realizzazione siti internet Borgosesia, Realizzazione siti internet Vercelli, Realizzazione siti internet Novara, Realizzazione siti internet Biella, Realizzazione siti internet Verbania, Realizzazione siti internet Milano, Realizzazione siti internet Torino